Crea sito

Parte quarta

Montepiesi  anno 13  n.4,  aprile 1982

IL RISORGIMENTO E LA PRIMA STAZIONE FERROVIARIA

All’alba del sec. XIX la popolazione aveva subito un sensibile aumento, segno tangibile della nuova vita, dovuta alla bonifica. In quel periodo il vescovo Pannilini otteneva dal Granduca Leopoldo la costruzione della strada Chiusi-Pienza, in pratica la trasversale tra la Cassia, che ancora rappresentava l’itineraio principale tra Firenze e Roma; e la Val di Chiana. Purtroppo però la nuova strada non portò i benefici sperati.

Il Risorgimento non ebbe in Chiusi momenti o figure notevoli; se qualcosa si deve ricordare, più che al passaggio di Garibaldi, è da notare la presenza continuata nella città, come comandante delle guarnigioni di quel Gino Capponi cui il Giusti dedicò “La terra dei morti”. In quell’epoca, anche se non ci furono grandi figure, avvenne, con l’arrivo a Chiusi della ferrovia da Siena, l’episodio determinante per la rinascita di tutta la zona. Le tappe di questa “strada ferrata” furono quanto mai lunghe tanto che vale la pena ripercorrerle. Le rotaie si erano mosse da Firenze Stazione Porta a Prato (il collegamento con S. Maria Novella avvenne solo nel 1860) verso Empoli fin dal lontano 10 giugno 1848. Già un anno dopo, il 14 ottobre 1849 erano a Siena. Il tratto fino a Sinalunga doveva però aspettare ben 10 anni (19 settembre 1859) e altri due (1860 – 61) ce ne vollero per costruire i brevi tratti (Sinalunga-Torrita, Torrita-Salarco) di circa 12 km. Finalmente il 24 luglio 1862 la ferrovia arriverà a Chiusi e il 15 dicembre dello stesso anno le rotaie raggiungeranno Ficulle. Bisogna però aspettare fino al 10 marzo 1874, quando venne aperto il tratto Orvieto-Orte, per avere una comunicazione diretta con Roma, capitale del Regno d’Italia.

La stazione di Chiusi scalo in due cartoline: la prima dell’inizio del 1900 e la seconda della fine degli anni ‘30 inizio anni ’40.

La stazione di Chiusi scalo in due cartoline: la prima dell’inizio del 1900 e la seconda della fine degli anni ‘30 inizio anni ’40.